“Al lavoro per una città vitale non solo per i giovani, ma per tutti”

Sabaudia 25 Maggio 2017 –  Interviste dalla sede elettorale del candidato sindaco di “Obiettivo in Comune”, Lino Capriglione. I vari candidati hanno deciso di proporre delle mini interviste per raccontare da dove nasce la voglia di cimentarsi con le elezioni. “Valentina Brunello – si legge in una nota – è una giovane laureanda in scienze e tecniche di psicologia infantile. Lavora presso un’azienda privata a Sabaudia e proprio perché giovane e lavoratrice si è dimostrata da subito attenta ai problemi della sua generazione nonché delle future .

Durante un’intervista presso la nostra segreteria le è stata semplicemente rivolta una domanda:… perché Lino Capriglione ? : “ho avuto modo di apprezzare fin da subito Lino come una persona concreta che mi ha trasmesso valide motivazioni sempre , anche in merito a richieste non attuabili.  Ho rivolto a lui una serie di proposte riguardo il nostro futuro di giovani e su ogni argomento è stato capace di dirmi quello che il suo programma era in grado di fare e motivandone la buona riuscita”.
La brunello si è da subito affidata a Capriglione il quale l’ha consigliata, vista l’inesperienza, sulle modalità da tenere in una campagna elettorale affinchè potesse, da candidata consigliere , ben ripagare la fiducia dei votanti.  “Ero insicura e alla prima esperienza , ma mi sono, da subito, sentita spalleggiata da ottimi consigli come quello di non far mai promesse su cose per le quali non avrei potuto garantire ed è stato proprio qui che ho sentito venir fuori la mia vitalità e voglia di fare per la mia città”.
Durante l’intervista la Brunello insiste sul settore giovanile affinché la propria città diventi centro lavorativo culturale e ludico per tutti coloro che amino restare qui: “Vorrei che Sabaudia sia una città vitale non solo per i giovani ma per tutti , che vi siano intrattenimenti  serali e mondani , ma anche culturali ; inoltre vorrei fortemente creare opportunità lavorative per i ragazzi affinché non siano costretti a recarsi altrove”.
 La brunello conclude l’intervista ponendo attenzione sulla sicurezza del centro urbano , promettendo, e questo ora può farlo , un incremento di telecamere e sanzioni , nonché una corretta informazione nella scuola affinché veramente possiamo sentirci al sicuro a casa nostra….. e con la voglia di restarci.